Alla mia famiglia


Nicola faceva il conto alla rovescia da mesi, il primo giugno avrebbe compiuto otto anni.
Diceva a tutti di avere sette anni e mezzo, anche due giorni prima di compierli, per provare il gusto del salto ad otto anni nel giorno tanto sospirato.
Il primo giugno è arrivato ed è stato lui a chiedere di fare un video, per memorarlo!
Difficile pensare a come tagliare questo video per evitare che sia noioso, per non farlo abbandonare dopo pochi secondi di visualizzazione.
L’ho guardato e riguardato, tolto alcune parti, ridotto tutte le pause e i silenzi, per rosicchiare qua e là frammenti di secondo, ma le espressioni di Nicola, le sue parole, la sua emozione, per me valgono troppo…

Ripenso a come è nato il mio canale YouTube.

È nato per amici e parenti, per condividere con gli affetti più cari, e fisicamente lontani, gli eventi familiari più importanti.
Poi è successo qualcosa e gli amici e parenti sono diventati persone senza un volto, che avevano trovato per caso il canale e hanno iniziato a commentare i video con affetto.
Piano piano ho cominciato a sentire molti vicini degli sconosciuti, che ormai non posso più definire tali, perché sono entrati a far parte della mia vita, del mio quotidiano.
Leggo commenti che mi fanno capire quanto conoscano bene me e i miei ragazzi, sento chiamare i miei figli coi nomignoli di casa e usare con naturalezza il nostro lessico familiare.
Partecipano emotivamente quando i miei ragazzi non stanno bene o affrontano tappe importanti della loro vita, accolgo proposte di incontro, desideri di essere davvero parte della famiglia.
Lo so, sarà difficile da comprendere e forse potrebbe apparire impopolare questo pensiero, ma essere una famiglia non significa per forza vivere sotto lo stesso tetto, essere cresciuti insieme, condividere un DNA.
Famiglia è volersi bene e non chiedere nulla in cambio, pensarsi e farsi sentire, essere attenti ai dettagli e alle sensibilità reciproche, rispettarsi e preoccuparsi uno per l’altro.
Famiglia è dove ti senti compreso, amato, dove non esistono egoismi e sai di poter chiedere aiuto in qualunque momento.
Famiglia è cercare di restare vicini anche nelle incomprensioni.
Famiglia è desiderare, oltre ogni cosa, la felicità dell’altro e gioire per lui/lei per ciò che lo rende tale.
“Il legame che unisce la tua vera famiglia non è quello del sangue, ma quello del rispetto e della gioia per le reciproche vite. Di rado gli appartenenti ad una famiglia crescono sotto lo stesso tetto”
Richard Bach
Grazie a chi gioisce con Nicola per il suo compleanno, a chi si sente partecipe di questa giornata e delle sue emozioni. Grazie a chi ci vuole bene e ci pensa. Grazie a voi, alla mia famiglia.
Posted in Bambino 0-11 anni, VIDEO BLOG and tagged , , , .

12 Comments

  1. Questi bimbi piccoli che rimarranno i “piccoli” anche per i loro fratelli (non parlano per noi genitori) per sempre! Eh, non ci si arrende alla loro crescita! ❤️ Auguri.

    • Eh sì, tutto è relativo e loro saranno sempre i piccoli (sebbene poi io li chiami ragazzi, fin da quando vanno alla materna). Poi, siccome i i piccoli sono eternamente tali anche per i fratelli, potremo anche condividere le critiche che ci muoveranno crescendo! 😀

  2. Grazie Barbara!
    Di ritorno da una gita, passando in autostrada, ho visto il cartello della vostra città e vi ho pensato con affetto.
    Bacioni!!!!
    Maria

  3. Felice compleanno Nicola!!! Tanti tanti auguri a Te soprattutto, ma anche alla Tua mamma, che nel condividere i momenti belli ed importanti della famiglia… Li rende importanti un po’ anche per me che Vi seguo! Auguroni davvero!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *