Compiere sei anni

Negli anni ’70 si erano diffuse le sedie fatte col filo di plastica intrecciato.

A casa dei miei nonni a Napoli ce n’era una tutta colorata, su cui mi sedevo davanti a mio nonno che mi intratteneva con spettacolini da giocoliere.

sediafili

Ricordo poco altro dell’epoca. Le tele dei quadri che dipingeva mia nonna potrebbero essere ricordi successivi.

Qua e là un tempo mi apparivano anche immagini qualcosa della loro casa, ma ormai ne ho perso memoria.

Non sono ricordi strutturati, si tratta di flash di alcuni istanti, mio nonno è morto che io avevo solo quattro anni, ero davvero piccola.

Ho pochi ricordi isolati di quando avevo quattro e cinque anni. Qualcosa dell’asilo, qualcosa con mio fratello, i miei primi veri ricordi risalgono a quando avevo sei anni.

Compiere sei anni era un passo che percepivo essere importante, cominciavo a sentirmi grande: sarei andata a scuola!

Da bambini e da ragazzi, il giorno del proprio compleanno è particolarmente importante. Ricordi che vorrei rendere preziosi per i miei figli. Credo che nessuno abbia solo memoria di momenti belli durante l’infanzia, ma la tenerezza che provo ricordando i miei compleanni è indelebile.

Avevo sempre molte aspettative per quel giorno, aspettative di felicità, non materiali.

Ricordo che mi dicevo: oggi deve essere una bellissima giornata, voglio ridere e fare cose belle, non voglio piangere per nessun motivo.
E se mi capitava di piangere nel giorno del mio compleanno, anche solo per una sciocchezza passeggera, mi arrabbiavo con me stessa.

Ho tutt’ora un affetto grande verso il numero 23 e verso il mese di luglio, la data del mio compleanno.

Sentirsi amati, vedere sorrisi attorno a sé ed esserne il motivo, sentirsi importanti, mangiare cose buone, soffiare sulle candeline, trascorrere una giornata speciale e portarla anche agli altri.

Il compleanno di Elena quest’anno non capita in un giorno festivo, non siamo in ferie e ho una serie di cose da fare, ma desidero per lei dei piccoli dettagli che possano rendere questa giornata speciale.

Mentre tutti si svegliano con calma, crogiolandosi tra cucina e divano, vado a trovare il nonno.
Torno a casa che è quasi ora di pranzo.

Elena adora uscire, non importa la meta, va bene anche fare la spesa, ma il parco è sempre in cima alla lista.
Un pranzo al Mc Donald’s, per Elena a base di patatine.

photo_2017-09-11_15-00-43

Un giro al parco ed ecco la felicità.

photo_2017-09-11_15-00-48

Resta ancora la cena tutti insieme, la torta con candeline, simbolo irrinunciabile di compleanno e i regali che paiono i più belli del mondo.

Niente mi commuove di più di un bambino che apprezza, un bambino che si accontenta.

Dovrebbero abolire la parola accontentarsi riferita ai bambini: loro non si accontentano, loro godono di ciò che hanno e possono avere. Si tratta di quella parte di saggezza che si perde crescendo.

Perché non sempre si diventa saggi invecchiando…ma magari è per questo che si dice che gli anziani tornino bambini.

Auguri, dolce Elenuccia, per i tuoi magnifici 6 anni!

Da grande spero di diventare una bambina come te.

Roma, luglio 1970

Condividi con:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone
Posted in Bambino 0-11 anni, CiurmaMom and tagged , .

10 Comments

  1. So che questa domanda non c’entra un fico secco con il tuo vlog, Ciurmamom, ma vo,devo chiederti una cosa: tu sei laureata? Fai qualche lavoro? Oppure fai solo YouTube come i miei amici RichardHTT e Fraffrog?

    • Ciao Filippo, non sono laureata, dopo il liceo scientifico ho fatto i primi tre anni della facoltà di medicina (sostenendo i relativi esami), ma ho interrotto per motivi familiari. Il mio lavoro attualmente è YouTube e il blog.

      • Io invece facciò l’Università di Pavia e ho intenzione di laurearmi per diventare prof di Storia. Ma questo lei lo sa già. É il mio obiettivo da sempre. Ma in realtà attualmente da poco la giornata della laurea ha un secondo obiettivo. Vorrei invitare RichardHTT e Fraffrog a casa mia a Pavia per assistere e festeggiare la mia laurea. Io realizzerò questo obiettivo. Per realizzare gli obiettivi basta crederci e ed essere pazienti. Finora é stato sempre così per me per realizzare tutti i miei obiettivi.

        • Sarebbe molto bello e ti vedo determinato a raggiungere l’obiettivo. Molto bene, come dici anche tu, la determinazione è fondamentale per raggiungere gli obiettivi. In bocca al lupo per tutto!

  2. Bellissimi tutti! L’emozione di Elena che riceve il video messaggi da Ricky❤️ la sua felicità negli occhi per il McDonald’s. Per il parco. Per i regali! Bellissima

    Ps: Giuseppe era interessato di sapere che macchina guidavi

    • Siii, tenerella come si è emozionata e come ha esplicitato la sua commozione. L’ho percepita così grande nel momento in cui ha detto: “mi sono commossa.”
      Direi che la giornata del compleanno è andata bene, Elena mi è parsa soddisfatta.

      PS: la mia macchina è uno Scudo, Fiat. :)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *