English lesson by Nick #1

Spesso definisco Nicola il mio piccolo americanino.
Nicola ha scoperto la lingua inglese all’età di due anni, guardando una serie televisiva condotta da un gruppo musicale australiano per bambini, The Wiggles.
Ricordo che ero incinta di Elena che li guardavo con lui, piacevano molto anche a me, avevamo imparato diverse canzoni a memoria, alcune di queste mi fanno ancora tornare la nausea gravidica da cui cercavo di distrarmi con Nico.
Poi è nata Elena e la passione per l’inglese di Nicola è rimasta. Ascoltavamo le registrazioni dei Wiggles in macchina durante i lunghi viaggi.
Finché un estate in campeggio col tablet, all’età di quattro anni, Nicola ha cominciato proprio a studiare l’inglese, da autodidatta.
Partendo dalle filastrocche sull’alfabeto che trovava su YouTube, ha proseguito imparando l’inglese, come fanno i bambini inglesi e americani: guardando e ascoltando la gente.
Nicola tutt’ora prosegue i suoi studi dell’inglese, che è ormai diventata la sua più grande passione.
Nicola non guarda video per insegnare una lingua straniera, Nicola segue yotubers e canali americani.
I generi spaziano molto: vlog, Challenge, kids react, lavoretti. Tutto rigorosamente in inglese.
Vuoi per la sua giovane età (ora ha 8 anni), vuoi perché sta imparando nel modo più corretto possibile da persone madrelingua, Nicola ha anche una pronuncia naturale inglese o, più esattamente, americana.
Provate a chiedere a Nicola cosa vuole per merenda. Se vi risponde yogurt, capirete cosa intendo.
Yogurt è una parola utilizzata sia in italiano che in inglese, perciò siamo abituati a sentirla dire dai nostri bambini con la pronuncia italiana. Detta da lui è un’altra cosa!
Chiedete a Nicola di dire Blog. Lui dice /blɑɡ/
La sua O è mista a una A.
Really American!
Così, da una doverosa correzione di Nicola che mi fa notare di aver detto Home Tour con una becera pronuncia italiana, senza sforzarmi di dirlo correttamente, sono nate queste pillole di English Lessons By Nick.
Condividi con:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone
Posted in Bambino 0-11 anni, CiurmaMom and tagged , , , , , .

7 Comments

  1. che meraviglia quando la pronuncia esce naturale!! è un grande, questo suo essere autodidatta è motivo di grande orgoglio , che bello che si sia scatenata questa passione per le lingue!!

    • Si, è una bella passione, che spero mantenga, perché gli sarà utile. Di certo qualcosa di questa pronuncia così naturale, gli resterà. Oggi Nicola mi ha chiesto quando ci trasferiamo in America!

    • Siamo in attesa di sviluppi. Stella per tornare a casa da scuola, attraversa una passerella sulla Dora. Dice che oggi faceva impressione, da quanto era gonfia e rumorosa. In classe hanno dovuto chiudere le finestre, per il forte rumore del fiume che arrivava fin lì. Il Po è uscito dagli argini in una zona di Torino e forse le Università domani chiudono. Riccardo domani resta a casa, mentre Valeria deve tornare da Torino. C’è anche sciopero dei treni…che spero che venga revocato, visto l’allarme meteo.

  2. Anche a mi piace l’inglese come lingua oltre all’italiano. Lo so abbastanza parlare correttamente. A volte. Però io ho alcuni DVD delle stagioni de I Simpsons e io li guardò e li ascolto sempre in inglese con i sottotitoli in italiano. 1) perché mi piace l’inglese 2) perché così guarda la versione originale invece che la traduzione italiana (a volte li guardò e9 li ascolto in italiano, ovviamente). Così per sembrare un vero fan “americano” de I Simpsons. Cioé se dovessi incontrare un ragazzo americano gli dire: ho i DVD de I Simpsons in italiano, ma li ascoltò in inglese, come fate voi, però ci metto i sottotitoli in italiano. Ma glielo direi in inglese:
    I have DVDs of The Simpsons in Italian, but listened to them in English, as you do, but I put subtitles in Italian.

    • Grande! Quando Nicola torna da scuola, gli faccio subito leggere il tuo messaggio per lui in inglese, sarà contento!
      Anche Massimo fa come te: preferisce sempre ascoltare la versione originale e casomai mette i sottotitoli in italiano. Le versioni originali sono sempre migliori e poi mantengono in allenamento con la lingua.
      Mentre ti rispondo sto pensando che la tua grande passione è la storia. Ogni tanto ci penso e ti auguro di diventare il docente che desideri…anzi ne sono certa.
      Un abbraccio

  3. Si. So anche un pò abbastanza scrivere correttamente in inglese. Come in questo caso. Ma solo piccole frasi. Anche se mi piacerebbe molto parlare e scrivere inglese. Infatti il mio sogno é scrivere un mio libro su Giulio Cesare in inglese. Sarebbe bello. Cioé l’inglese é colto e elegante (mi riferisco alla lingua. Ma ammiro anche gli Inglesi di persona. Sono molto educati. E io una volta sono stata in vacanza a Londra, in Inghilterra, per una settimana, nel periodo natalizio, e mi sono trovato benissimo nella terra e nella città di Sua Maestà). Bene mi fa piacere se fai vedere il mio messaggio a tuo figlio. Il blog é tuo. Puoi farne quello che vuoi.
    Io commentò e basta.
    É vero. Che esercitandoti ad ascoltare un’altra una lingua puoi impadronirti di questa lingua. Più o meno.
    Si. Hai indovinato. Brava! I miei complimenti. Ti ringrazio per gli auguri del mio buon futuro e per i pensieri. Io realizzò tutti i miei obiettivi. E diventare un prof di Storia é l’obiettivo degli obiettivi più importante della mia vita. E so anch’io che ci riuscirò.

    Yes. I also know quite a bit to write properly in English. As in this case. But only short sentences. Although I would love to speak and write English. In fact my dream is to write my book on Julius Caesar in English. It would be nice. Ie English is cultured and elegant (I mean the language. But I also admire the British people. They are very polite. And I when I was on holiday in London, England, for a week, at Christmas time, and I I had a great time in the land and in the city of His Majesty). Well I’m glad if you see my message to your child. The post is yours. You can do whatever you want. I just said.
    It’s true. That practicing listening to another language you can get hold of this language. More or less.
    Yes. You guessed it. Good! My compliments. I thank you for the good wishes of my good future and thoughts. I realized all my goals. And become a Professor of History is the goal of the most important goals of my life. And I know that I will succeed

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *