Il mio strudel di mele

Lo ammetto: non ho mai voglia di leggere e seguire le ricette, ma cucinare mi ha sempre divertita.

Aggiungiamoci poi che spesso ho poco tempo per andare a cercarmi una ricetta, anche se questa in realtà è una scusa, se le seguissi potrei perdere meno tempo, ma mi divertirei anche molto meno.

Quando voglio cucinare un piatto nuovo e preparare una pietanza a regola d’arte, seguo di sicuro la ricetta, ma con una famiglia di otto persone, coi ragazzi che mangiano a casa a pranzo e cena, sono più le volte che improvviso di quelle in cui seguo una ricetta.

Improvvisare mi riesce abbastanza bene e questo credo che sia dovuto al fatto che, o sono di corsa, o combino dei pasticci, quindi ho dovuto imparare ad arrangiarmi.

Faccio la spesa nei ritagli di tempo, per lo più senza una lista da seguire, perché generalmente seguo le offerte, poi quello che mi serve lo ricordo a memoria e quando non lo ricordo, mi arrangio.

Mi capita anche di non aver preventivato una spesa per cucinare qualcosa di specifico e così è stato questa volta.

Ho una famiglia di buongustai, che amano assaggiare piatti nuovi, ma ci sono dei must che piacciono sempre, sia a loro che agli amici.

Per andare a pranzo dai nostri amici, ho improvvisato un mio dolce classico, che so che piace a tutti:

Lo strudel di mele, o meglio, un calzone di mele, visto che credevo di avere in frigo la pasta sfoglia rettangolare e invece avevo quella rotonda.

Non solo: non avevo l’uvetta, ma in compenso una gran quantità di pinoli.

L’ho già detto che non so resistere alle offerte? Ecco, i pinoli, notoriamente costosi, erano in offerta e non avevo saputo resistere.

Che altro?

Amo le mandorle, in special modo la farina di mandorle, tanto che quando la trovo al supermercato la prendo, sapendo che in qualche dolce la infilo sempre.

Ma bando alle ciance, vi scrivo la ricetta che uso per fare un ricchissimo strudel di mele, mentre, per le varianti sul tema, i miei errori e la visione dei miei piccoli appassionati chef, vi rimando al video in cima al post.

Per il video, cliccare sulla foto o qui


STRUDEL DI MELE

INGREDIENTI:

Pasta sfoglia già pronta (va bene anche la pasta brisè o una frolla sottile)

200 grammi di marmellata di albicocche

Pangrattato (circa 100 grammi)

2 mele grandi (circa 500 grammi)

100 grammi di uvetta

50 grammi di pinoli

PROCEDIMENTO:

Aprire la pasta sfoglia e spalmare la marmellata in modo che non vada eccessivamente sul bordo.

Sulla marmellata spargere uno strato di pangrattato (che assorbirà l’umidità rilasciata dalle mele in cottura).

Aggiungere le mele tagliate a pezzettini, l’uvetta e i pinoli.

Scaldare il forno a 180° e infornare per 40 minuti.

Quando lo strudel è freddo spolverizzare con zucchero a velo.


Lo strudel è molto buono anche tiepido, con sopra una pallina di gelato al fiordilatte o alla crema.

Le varianti in base ai gusti o a quello che si ha in casa, tra tipo di marmellata e di frutta secca all’interno, possono essere numerose e sempre buone.

Variante Barbara: al posto del solo pangrattato, usare metà pangrattato e metà farina di mandorle.

Sbizzarritevi e buon appetito!

Posted in Cucina economica e con avanzi, Cucina per allergici and tagged , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *