Invento storie e torte

Da quando ho figli, ho inventato tante storie per loro.
Portandoli a letto chiedo: una storia vera o una inventata?
La risposta è sempre “una storia inventata!”

Ormai ai quattro figli più grandi non racconto più favole per la buona notte, ma a Elena, e qualche volta a Nicola, racconto una storia, che può essere breve, media o lunga (Elena ne quantifica la lunghezza con le dita, tra pollice e indice) a seconda del tempo che abbiamo a disposizione.
Non faccio fatica a inventare favole, anche se sono stanca, perché parto sempre da qualche spunto che riguarda loro o la giornata appena trascorsa.

Generalmente, i protagonisti delle mie storie sono i figli a cui la racconto.

Le storie per Elena, di solito, hanno per protagonisti lei e i suoi peluche preferiti, che si animano per l’occasione.

In questi giorni che Elena è malata, per uno dei suoi soliti attacchi di PFAPA, anche la giornata è tutta da inventare!

Inventa di qua, inventa di là, le propongo di fare una torta. Una torta inventata, ovviamente.

Non possiamo uscire di casa, per cui utilizzo quello che trovo in dispensa e in frigorifero.

In casa non ho burro, non ho uova (meglio così per l’allergia alle uova di Stella), non ho aromi particolari, ma ho la farina, lo zucchero, l’olio di semi e il Nesquik, che staziona in dispensa, inutilizzato da mesi.

Questi saranno gli ingredienti della nostra torta inventata!

TORTA AL NESQUIK

Ingredienti:

  • 300 grammi di farina
  • 70 grammi di zucchero
  • 200 grammi di nesquik
  • 200 grammi di latte
  • 100 grammi di olio
  • 1 bustina di lievito

Guardando il video in alto potrete vedere come le dosi, sebbene la torta sia inventata, non siano casuali.
Leggendo gli ingredienti sulla confezione di Nesquik, si può notare che contiene il 65% di zucchero, quantità che ho sottratto alla dose di zucchero da mettere nella torta.

Procedimento:

Per amalgamare gli ingredienti di questa torta ho utilizzato il Bimby, ma si può mescolare sia a mano con un cucchiaio di legno sia con un mixer qualunque.

Innanzi tutto ho acceso il forno a 180° in modo che raggiungesse la temperatura, mentre preparavamo l’impasto, poi abbiamo messo gli ingredienti nel Bimby:
Olio, zucchero, Nesquik, latte, farina e lievito.
Abbiamo amalgamato il tutto nel Bimby per qualche secondo e messo l’impasto in una teglia oliata.
Dopo 40 minuti nel forno a 180° questo è stato il risultato.

torta_al_nesquik

Il sapore?
Decisamente cioccolatoso!

Slurp!

fetta torta al Nesquik

Posted in Cucina economica e con avanzi, VIDEO BLOG and tagged , , , .

12 Comments

  1. Scusa Ciurmamom se ieri nel mio video ho risposto in maniera scontrosa al tuo commento pensavo che era una critica invece il tuo ero solo un consiglio. E che le critiche fanno male. Io avevo cercato stavolta di migliorare. Poi va beh le imperfezioni esistono purtroppo. Infetti tu l’hai apprezzato alla fine e ti ringraziò. Scusa. Ma a volte leggendo i commenti può capitare di leggere male e reagire male. Ma guarda devi solo ringraziò RichardHTT se oggi ti ho fatto delle scuse. Perché con la sua saggezza e anche con la sua esperienza da YouTuber mi ha dato una grande lezione. Ecco perché continuerò sempre a considerarlo un mio amico e punto di riferimento per me. Infatti sappi che quei video fatti con loro mi hanno dato molto di più che di semplici collaborazioni e partecipazioni mi hanno permesso di diventare loro amico. É questo per me é l’aspetto più importante che non dimenticherò mai. I momenti passati insieme a loro e non che ho fatto video con loro.

  2. Ma perché ti sei incazzata con me? Spiegami il motivo? Ti ho fatto le scuse anche. Non mi risposto ancora. Non ti é piaciuto il mio video? Mi dispiace se non ti é piaciuto ma io Cara Ciurmamom non é colpa mia se ti fatte delle illusioni sul mio video. Io non so cosa ti aspettavi. Io ti avevo detto che avrei fatto un secondo video con Riccardo e Francesca e te eri contenta, lo eri quando ti ho annunciato che lo pubblicato. Io vorrei sapere da te cosa é successo dopo che li hai visto? Spiegami perché sei così incazzata con me. É un video intervista. Ok. Non può piacere a tutti. Ma cosa ti aspettavi. Io non ti ma detto che sarebbe stato un video che doveva vincere il premio Oscar, e se hai perso un po’ di tempo a guardare il mio video deludente mi dispiace. Ma non che da simpatica e gentile come sei stata finora con me può diventare improvvisamente arrabbiata. Che cosa ti ho fatto?
    E se non mi rispondere anche stavolta allora io comincerò a dire a tutte le persone che ti seguono che sei una persona falsa.

    • Ciao Filippo, non sono incazzata, semplicemente ho la bambina piccola malata e tra una cosa e l’altra non sono riuscita…anche adesso, ho interrotto il pranzo perché mi dispiaceva che tu pensassi che sono arrabbiata. Mi hai chiesto scusa e ho apprezzato il gesto. La tua intervista mi è piaciuta e mi fa piacere dirtelo anche qui.

  3. Ah. Mi dispiace tantissimo per te. No. Ora non lo pensò più. Mi rimangiò tutto quello che ho scritto. Mi fa piacere. E scusa ancora. Mi fa piacere che hai apprezzato il video. E sono sicuro che farebbe piacere anche a Riccardo e a Francesca saperlo. Scusa ancora per la terza volta. E che volevo capire dove aveva sbagliato.

  4. Mi piace che vedi i lati positivi della famiglia numerosa. Perché io invece vedo solo i lati negativi. Sopratutto della mia. Anzi non ti augurerei mai di conoscere la mia famiglia.

  5. Cioé di tuoi vlog trasmetti questa immagine. Poi per carità non esiste nulla di perfetto. Ma mi piace la tua positività. Poi dipende anche dai rapporti che avete voi nella vostra famiglia. Di sicuro litigherete e ogni tanto vi innervosirete anche voi, come in tutte le normali famiglie normali. Io non buoni rapporti con i miei genitori e con le mie sorelle e con mio fratello. In casa mia é sempre un litigare e urlare continuò. E io spesso sono quello vessato da tutti. É un inferno casa mia. A volte vorrei chiedere l’adozione. Ogni giorno io i miei familiari non li sopporto sempre di più. So che é una cosa molto cattiva da dire. Ma io considerò la mia famiglia anormale. Uno motivo, tra tanti, per cui ambisco e non vedo l ‘ora di diventare indipendente e per lasciare finalmente alle spalle i miei familiari e avere un futuro senza di loro. Da grande voglio dedicarmi solo a me e alla mia vita. So che ti può sembra é egoistico quello che ti dico. Ma guarda tu non conosco me o la mia famiglia come io non conosco te e la tua famiglia ma fidati di quello che ti dico. E ripetò non ti augurerei mai di conoscere la mia famiglia.

  6. Ciao Barbara scusami per averti disturbato anche questa sera ma stavo guardando tutte le torte che tu e Elena e Stella e Valeria avete fatto un ottimo lavoro, e mi hai fatto venire voglia di farle anche io. Un bacione a Elena e Nicola e a Stella e >Valeria. Buona serata. Rita

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *