La passione che nasce dal web

La passione che nasce dal web non è la mia, la mia cresce nel web ma è nata prima, su carta e pellicola.

La passione che nasce dal web a cui mi riferisco è quella di mio figlio Nicola per la lingua inglese e per la scrittura in generale.

Tutto è nato verso i tre anni. Le filastrocche, le ninnananne, la voglia di imparare a scrivere il suo nome sui disegni.

Un giorno al mare, all’età di quattro anni, mentre aveva il tablet di papà a disposizione per vedere un cartone animato su YouTube durante il sonnellino della sorellina, ha chiesto di poter digitare quelle letterine da cui era incuriosito.

Scrivendo ABC gli si è aperto un mondo. Un mondo di canzoncine per imparare lettere e numeri, soprattutto in inglese, lingua che ha appassionato Nicola grazie alla divulgazione in rete di molti metodi normalmente utilizzati per insegnare ai bambini la loro lingua.

ABC song; Chicka Chicka Boom Boom; A for Apple B for Boy; Head, Shoulder, Knees and Toes; Monkeys on the bed e tante altre.

L’elenco di canzoni per imparare l’alfabeto, contare, imparare i nomi degli oggetti o delle parti del corpo era pressoché infinito e Nicola non richiedeva quasi più un controllo su ciò che cercava, sapeva cosa poteva fare e non andava a cercare altro. La malizia non appartiene certo a un bambino della sua età.

In questo modo Nicola ha imparato non solo a scrivere in inglese ma ha acquisito un’ ottima pronuncia e ha cominciato a comportarsi da vero bilingue.

A volte inseriva parole in inglese parlando in italiano e ha cominciato a utilizzare da solo semplici forme verbali in inglese corrette (Do you…?) senza, ovviamente, aver mai studiato nessuna regola e a scrivere un po’ in inglese e un po’ in italiano.

Un classico erano le sue amate liste della spesa…. oltre al tormentone dell’alfabeto in inglese che era diventato un po’ la sua copertina di Linus.

Nicola scriveva in inglese ma le leggeva in italiano. “Mamma ti ho scritto la lista della spesa.” Me la consegnava con scritto: bread, milk, sugar, juice e seguendola col ditino leggeva: “pane, latte, zucchero, succo.”

Ora Nicola ha sei anni e ha iniziato la scuola elementare, senza annoiarsi ma apprezzando di essere entrato a pieno titolo in quel mondo che lo affascina da tempo.

Apprende con passione insieme agli altri bambini, con i metodi collaudati da anni di insegnamento delle insegnanti. Impara canzoni utili per contare e per scrivere, fa esercizi e compiti.

Nicola scrive come un bambino di 6 anni e legge come un bambino di 10.

La passione, a volte, nasce dal web e si sviluppa sui quaderni con la matita lapis.

Niente limita, tutto stimola!

 

Pubblicato in VIDEO BLOG e taggato , , .

8 Commenti

  1. Ed ecco che mi hai fatto un post sul come il tuo cucciolo ha imparato così bene a parlare in inglese…
    mi hai fatto tornare la voglia di scrivere sul mio blog e mi sa che il 29 ci vediamo a milano

  2. Fantastico! Quante risorse hanno i bambini?! Mi dai spunto per stimolare i miei all’apprendimento di un’altra lingua, sono proprio curiosa di vedere come reagiranno. Intanto complimenti per il tuo Nicola, è davvero piacevole vedere un bambino così *doppiamente espressivo”

    • Grazie del tuo commento, Sara!
      Fallo presto, più sono piccini, più interiorizzano meglio la lingua. Buon divertimento! Ricordati che deve essere sempre un piacere per i bambini, se non dovesse esserlo, vuol dire che non è il momento giusto e puoi ritentare più avanti. Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *