La rivolta della tecnologia (4^ parte)

Dopo l’automobile con la frizione rotta, la lavatrice con l’oblò bloccato, Elena malata, l’allarme di casa impazzito e il microonde che produce sinistri rumori, comincio a pensare che sia tutto uno scherzo!
Anche la pioggia improvvisa, quando un attimo prima c’era il sole, sembra confermare questa ipotesi.

Capita di pensare che davvero sia il caso di affrontare il tutto ridendo, per non crollare.

Allora ridi, Barbara!

Grazie ai bambini mi è anche più facile. In fondo facciamo delle bellissime chiacchierate andando e tornando da scuola a piedi.

La giornata prosegue, tra chiacchiere con i figli (…e col meccanico per la macchina o col tecnico per la lavatrice…), lavoro, lavatrici fuori sede e una spesa in compagnia di due belle ragazze.

Tutto sembra andare per il meglio.

Torno a casa, chiedo a Nicola come stia e gli propongo la cotoletta per cena.

Nicola non si sentiva molto bene, ma è una piccola roccia ed ha già fame!

Scendo in tavernetta per prendere una bottiglia d’acqua. Abbasso lo sguardo dove teniamo le scorte. L’acqua c’è. Ma non solo nelle bottiglie. Anche per terra!

La caldaia perde!

[Segue…]

Condividi con:Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone
Posted in CiurmaMom and tagged , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *