La torta Bilbolbul

Quando voglio fare una torta semplice, buona, saporita, senza uova e dal risultato garantito, ricorro sempre a un classico di Ada Boni: la torta Bilbolbul.
La torta Bilbolbul nasce da Il Talismano della felicità, ma io l’ho conosciuta grazie alla mia amica Michela, una cara e folle amica romana che ha avuto il coraggio di ospitare per diversi giorni tutta la ciurma a casa sua, accollandosi anche il problema dell’allergia alimentare di Stella.
Da allora: mai più senza Bilbolbul (e mai più senza zia Miky, ma questo si sapeva già!)
Ancora non mi è chiaro come questa torta possa venire sempre tanto soffice pur essendo senza uova né burro o olio, ma tant’è…è davvero buona!
La si può arricchire con panna, frutta fresca (da provare con panna e mirtilli) o marmellata, specialmente di albicocche, ma è anche ottima con la marmellata di pere o di amarene.
La torta Bilbolbul è buona da sola, a colazione o a merenda, cosparsa di zucchero a velo.
Se poi volete fare un figurone a cena, basta usare un po’ di fantasia per decorarla e arricchirla.
Il successo è assicurato!
Ecco la ricetta originale della TORTA BILBOLBUL
INGREDIENTI:
  • 200 grammi di farina
  • 250 grammi di zucchero semolato
  • 100 grammi di cacao amaro in polvere
  • ½ cucchiaino di cannella in polvere
  • 1 bustina di lievito
  • 250 millilitri di latte *[a mio parere non sufficienti, leggi sotto]
  • scorza di arancio
PROCEDIMENTO:
Amalgamare tutti gli ingredienti con un cucchiaio di legno, senza lavorare troppo.
Versare in una teglia unta e infornare a 180° per 30 minuti.
Una volta raffreddata, spolverizzare con zucchero a velo.
*Ho notato che i 250 ml di latte non sono sufficienti, l’impasto resta troppo duro da mescolare, così ne aggiungo sempre dell’altro e, di aggiunta in aggiunta, finisco sempre per mettere altri 100 ml di latte.
Essendo la Bilbolbul una torta molto versatile, in alternativa all’aggiunta di latte nell’impasto si può aggiungere il succo di un’arancia, un bicchierino di rum o maraschino.
Prossimamente voglio provare a mettere metà impasto nella teglia, aggiungere delle amarene sciroppate e coprire con l’altra metà di impasto, prima di infornare.
Insomma, sbizzarritevi e buon appetito!
Condividi con:Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone
Posted in Cucina per allergici, Senza categoria and tagged , .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *