Le nostre regole in famiglia

La famiglia è una squadra: le nostre regole in famiglia.

Giocare a Domino con i bambini in base a regole che abbiamo fatto e poi modificato lungo il percorso di gioco, mi ha dato l’opportunità di pensare all’importanza delle regole e alla loro necessità di rigore in alcuni casi e di elasticità e adattamento in altri.

Sono da sempre convinta che in famiglia, più di qualunque regola, valga l’esempio.

Non ho mai dettato grandi regole ai mie figli, imponendo cosa si fa e cosa non si fa, ma ho sempre cercato di comportarmi come desideravano che facessero anche loro, senza essere troppo esigente o dura, ma con fermezza quando testavano le loro possibilità di rompere…le regole!

Credo che con i figli non sia necessario dettare tante regole e che un limite di tolleranza sia perlopiù accettabile o quantomeno discutibile, ma credo anche che ancor più delle regole valga la nostra stessa condotta, sia con loro che col mondo esterno.

Mi spiego meglio.

I bambini sono molto sensibili all’ipocrisia.

I figli crescendo si rendono conto se un genitore non è, o non è stato, coerente con ciò che sostiene essere giusto.

Due esempi banali, ma comuni:

Se io, genitore, sono un automobilista nervoso che impreca contro la guida scorretta e poi sono il primo a guidare in modo aggressivo senza rispettare le regole della strada, il bambino alla lunga penserà che le regole e le coerenza non sono poi così importanti.

Se io, genitore, dico al bambino di essere gentile con le persone, salutare e ascoltare, ma poi torno a casa col muso, non saluto e non ascolto il coniuge e i figli, perché il mio primo pensiero è di farmi la doccia, mangiare e rilassarmi, ecco che il bambino coglie l’incongruenza, si rattrista, si confonde e pian piano si adegua.

Niente di più di triste e di più sbagliato per la sua educazione, la sua autostima e la sua felicità.

Nella vita l’educazione, l’affetto, il rispetto, la solidarietà e la fiducia si imparano in base all’esperienza e sono ciò che di più importante ci sia nel rapporto tra genitori e figli, come nella relazione di coppia e tra esseri umani.

Credo perciò che sia fondamentale comportarsi soprattutto con coerenza e stabilire dentro di noi – anche a seconda del carattere e della sensibilità dei figli – dei confini oltre i quali i comportamenti non siano accettabili. In questi casi ho sempre fermato sul nascere e senza indugio un atteggiamento che ritengo sbagliato.

L’errore può sempre capitare a tutti, ma anche quello fa parte del percorso di crescita (a qualunque età) da cui ripartire portandone l’esperienza e l’insegnamento.

La questione su cui ritengo si debba porre le nostre attenzioni nel crescere un figlio, non sono tanto quali e quante regole imporre, ma che siano ragionevoli, autorevoli e non autoritarie, semplici e condivisibili.

Nel bene e nel male, il bambino si adatta alle nostre regole (almeno fino all’età della ribellione, se avviene) ed essendo che, per un bel po’ saranno le uniche regole familiari che conosce, per lui saranno giuste e indiscutibili.

Perciò concentriamoci su come ci poniamo nei confronti di nostro figlio e se sbaglia ricordiamoci sempre di non giudicarlo come bambino, ma parlare della sua azione in quel momento, con empatia e apertura mentale.

Siamo stati bambini e ragazzi anche noi e un errore non è un fallimento, come un’azione sbagliata non significa esserlo.

Così oggi, approfittiamo di questo gioco del Domino, per capire che alcune regole le possiamo fare insieme, discuterne e modificarle se non funzionano.

La famiglia è un team, il che non significa che non ci sia un leader, ma che noi, giocando in squadra, vinciamo o perdiamo tutti!

Posted in Senza categoria and tagged , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *