Sardegna 2015 #2 – L’accoglienza a Costa Rei

Quando si arriva nel posto di villeggiatura, ci vuole un po’ di tempo per assestarsi e sentirsi a casa.
Mi immedesimo sempre nello spaesamento che provano i bambini trovandosi in un ambiente in cui non c’è molto di familiare. Per i più piccoli è una sensazione che predomina anche sulla bellezza del luogo.
“Ma dormiamo qui?” “E dove mangiamo?” “Dov’è il mio letto?” “Fa buio…voglio tornare a casa!”
Ho sempre fatto portare ai bambini un pupazzo, qualcosa per disegnare, che li aiutasse a farli sentire a casa, ma il momento di crisi arriva sempre.
Anche io, sebbene non voglia ammetterlo e spesso lo mascheri con una sistemazione compulsiva degli oggetti e la pulizie di posti già puliti, avverto sempre quel senso di spaesamento che mi fa perdere parte della magia dell’arrivo. Sicuramente in questo contribuisce anche la lunghezza del viaggio: più il viaggio è stato lungo, più mi sento stanca e lontana dalle mie cose, dalle mie abitudini.
Raggiungere Costa Rei dal Piemonte, tra auto e traghetto, è decisamente un viaggio lungo e impegnativo.
Partiti alle 14 di una torrida giornata estiva, arriviamo a Costa Rei alle 11 del giorno successivo.
21 ore di viaggio sono indubbiamente tante, anche se ritrovarsi in qualcosa di assimilabile al paradiso ti ripaga della fatica.
Resta il fatto che arrivo a destinazione davvero sfinita e la differenza tra essere confusa e felice o semplicemente felice, la fa l’accoglienza!
La villetta, oltre ad essere vicinissima al mare, è molto carina ed entrando in casa trovo la tavola imbandita di bontà locali e frutta fresca, omaggio della mia amica Valeria e della sua famiglia.
Sentirmi accolta con attenzioni e affetto mi fa sentire subito amata e a mio agio, come arrivata a casa. Il mare è la mia casa interiore, queste mura ora sono la mia casa materiale.
E non credo di essere la sola a sentirmi così: i bambini rapidamente non chiamano più questa “la casa al mare” ma, con un adattamento fulmineo alla nuova realtà, la chiamano “la casa nuova”, mentre la loro casa di sempre, è già diventata “la casa vecchia”.
Non andrebbero neanche al mare, vogliono assaporare la loro casa nuova, viverla e viverci con tutte le certezze che accompagnano la vita di tutti i giorni.
I compiti!
Posted in Senza categoria, VIAGGI and tagged , , .

2 Comments

  1. Bellissimo!!!! Vedere questo video il primo giorno di un nuovo anno scolastico e’ quasi…terapeutico!! Comunque la prossima estate…tutti in Costa Rei, la casa era veramente molto carina e confortevole e la super vicinanza al mare la rende molto appetibile. Se posso ti chiederò,più avanti, info dettagliate. Intanto buon nuovo anno a tutta la tua ciurma!!!!

    • Sì, oggi primo giorno di scuola anche per noi…Che fatica! La vista del mare ci consola. 🙂
      Per quanto riguarda Costa Rei, quando vuoi, appena hai bisogno di cominciare a fantasticare sulle prossime vacanze, sono a disposizione per tutte le informazioni del caso.
      Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *