Stella stellina

Stella stellina, la notte si avvicina…
Quanto odi quando ti cantano questa canzone o ti chiamano Stellina.
Lo hai detto persino al pediatra, guardandolo dritto negli occhi, tu piccola bambina di sei anni o poco più, sei nata battagliera e avrei dovuto capirlo prima che tu venissi al mondo.

Ti sei voluta mettere sottosopra nella mia pancia
, nonostante non ti mancasse lo spazio.
Eri la quarta abitante del mio pancione e i tuoi fratelli precedessori erano dei bombardoni, mentre tu eri minuta. Ci potevi stare, potevi assumere qualunque posizione, ma non ti sei lasciata convincere da nessuno a fare la capriola e hai sfidato il destino.
Hanno parlato di un cesareo programmato per te, ma tu, giustamente, volevi sceglierti il giorno del tuo compleanno e hai scelto un giorno meraviglioso.
Saresti dovuta nascere a fine mese, avresti potuto tardare come tutti i tuoi fratelli che hanno scelto quando era il momento di venire alla luce, ma tuo fratello Massimo era nato il 17 luglio e aveva avuto un gemellino per un tratto della sua vita prenatale.
Hai deciso di nascere vicinissimo al compleanno di Massimo. Tu e lui avete due anni meno due giorni di differenza.
Tu e Max, i nostri Cip e Ciop da sempre. Vi capite, supportate e sopportate come nessuno mai.
In quanti, in questi anni, mi hanno chiesto se siete gemelli. Lo siete: non gemelli separati alla nascita, ma prima della nascita.
Grazie Stella. Perché dentro di me, quasi vergognandomi di questo pensiero assurdo, ti ho sempre immaginata come il gemellino tornato da me. È come se tu avessi vissuto due volte nella mia pancia e la tua nascita quel giorno mi ha permesso di continuare a sognare.

Stavo dormendo, mi hai sussurrato “è ora!” o meglio, me lo hai detto forte e chiaro, per svegliarmi.
Un bel calcio al sacco – tac!- rotto e via.
Perché va bene nascere vicino al tuo gemello grande, ma portargli via l’esclusiva del giorno del suo compleanno, non è bello.
Sei sempre stata delicata e sensibile, oltre che combattiva.
Il 15 era perfetto, una cifra quasi tonda e lo stesso giorno in cui tuo fratello Riccardo compie mezzo anno.
Non avrei saputo pensare a un giorno migliore per te. Un regalo in più che hai portato col tuo arrivo.
Non possiamo dire che tu abbia una vita facile, non l’hai mai avuta, ti sei già sentita soffocare più volte, la prima a soli 11 mesi e l’aria è mancata anche a me, ogni volta con te.
Tu mi hai insegnato che da tutto ci si può rialzare e non hai idea di quanto questo mi abbia già dato la forza per superare delle prove che mai avrei pensato di dover affrontare.
Oggi compi 14 anni e oltre ad essere la mia sensibile, ironica, coraggiosa e pazza figlia, stai diventando anche una spalla per me. Aiuto, sostegno e comprensione.
Ed hai solo 14 anni!
Non credi di esagerare?
Ti amo, Stella.
Non vedo l’ora di vederti crescere ancora, ancora e ancora.
Anche se, come hai detto tu ieri sera: “C’è troppo silenzio in questa casa quando non ci sono Valeria e Riccardo. Che tristezza. Come farai, mamma, quando non ci saremo neanche io e Massimo?”
Poi tu e Max vi siete fatti due conti ed io ho riso.
Credo per farvi smettere.
Posted in Adolescenza, VIDEO BLOG and tagged , , , .

17 Comments

  1. i tuoi racconti sono sempre bellissimi…mi riempiono di commozione e gioia.
    Tanti auguri a Stella per il suo compleanno….anche mia figlia di 22 mesi ha allergie alimentari ed anche io come te, da mamma, quando l’ho vista star male sono stata male con e per lei.
    Mi suggeriscono in tanti la desensibilizzazione x migliorare la qualità della vita….vedremo più avanti.
    Vi abbraccio entrambe…
    Paola

    • Ciao Paola, come stai?
      Grazie per le tue belle parole e il coinvolgimento emotivo. E grazie, anche da Stella, per gli auguri! ❤
      Io te la consiglio la desensibilizzazione, è impegnativa, ma vale la pena. L’importante è viverla bene, senza eccessivo stress (un po’ è inevitabile) e in questo aiuta molto avere un supporto. Quando la tua piccina sarà più grande, se vorrai, possiamo parlarne.
      Mi farà piacere, se potrò darti una mano.
      Intanto un abbraccio e buona estate!
      Barbara

      • Ciao cara Barbara, stiamo bene anche se queste allergie per me sono un vero peso. La paura è ancora tanta..forse perchè siamo ancora all’inzio di questo percorso. Cerco di fare una vita “normale” ma è inevitabile che certe cose per ora siano vietate…non che mi manchino ma spesso quando vedo i bimbi ai ristoranti assaggiare le pizze dei loro genitori mi viene un po’ il groppo in gola 🙁
        Comunque sia spero che anche la Vs. estate stia procedendo alla grande!
        Allora è un percorso che voi avete già intrapreso la desensibilizzazione? Dove siete state seguite?
        A che alimenti era..è allergica Stella oltre all’uovo?
        Adele, la mia piccola, è allergica in particolar modo alle proteine del latte vaccino…dovremmo fare un TPO a Settembre ma penso sia ancora prestino..vorrei attendere un’altro po.
        Vi abbraccio forte.

        • Ciao Paola, ti capisco molto bene. Ho vissuto esattamente le sensazioni e i pensieri di cui parli. Per anni sono rimasta stordita, totalmente assorbita, tanto da sentire gli altri distanti, soprattutto se non mi sentivo compresa. Poi passa sai…man mano le cose migliorano, si comincia a vivere meglio e ci si adatta con serenità. Stella è stata seguita a distanza (avevo quattro figli piccoli, non potevo assentarmi giorni con lei) dal dott. Longo dell’ ospedale Burlo Garofalo di Triste. È stato di una disponibilità, professionalità e umanità incredibili!
          Datti tempo Paola, ogni cosa verrà al momento giusto. Lì sono spettacolari, soprattutto con uovo e latte. Stella è fortemente allergica anche ad alcuni frutti come la banana che non può neanche toccare senza gonfiarsi. Al latte lo era poco ed è passato. La desensibilizzazione ha dell’incredibile. È una speranza importante a cui ti puoi aggrappare con fiducia. Quando sarete pronte. Un abbraccio

          • Grazie cara Barbara. Sei veramente una donna speciale..lo si capisce dalla passione con cui scrivi e da come racconti la vita di ognuno dei tuoi figli.
            Grazie anche per quanto mi hai detto..mi dai speranza. Voglio essere per mia figlia un punto di riferimento e non voglio metterle addosso più paura di quanta non ne debba avere solo perchè la spaventata sono io.
            Gli altri distanti….oh quanto è vero..A volte persino con mio marito..marito e papà davvero eccezionale…ma l’allergia l’ho vista io..l’ho capita io…l’ho combattuta io…e lui non riesce a comprendere a fondo quanto questo significhi per me e per la vita di Adele se questa non dovesse passare con la crescita come alcuni dottori ci hanno detto e come lui fortemente crede.
            Che dire..ci spero..ma non voglio illudermi. Sarebbe ancora più dura di ora se lo facessi.
            Conosco il Burlo ..me ne parlano bene così come del Meyer di Firenze…vedremo..noi siamo della provincia di Milano..e per ora seguite al FBF.
            Grazie..hai ragione…mi darò tempo e piano piano capirò cosa è più giusto per noi.
            <3

          • Ti ho scritto di getto e capisco anche quello che dici di tuo marito. E’ successo anche a me, sia per questo che per la perdita di un figlio…quello che proviamo noi, che viviamo noi è diverso. Tu e tua figlia siete una forza: unite da un legame speciale anche grazie a questo.
            Sarai la sua roccia. E sì…cerca di non mostrarti troppo spaventata. Vedrai, ce la farai sempre.
            Un passetto si farà, io spesso mi sono illusa, ma col tempo si riprova e qualcosina si ottiene. Non il miracolo magari, ma abbastanza da vivere più sereni. Inoltre la tua Adele ti stupirà con risorse che neanche possiamo immaginare! Un bacio e grazie a te

          • E’ proprio vero..per me è la prima bimba ma questo legame così unico non pensavo potesse esistere. ..ora lo so.
            E pensa che allatto ancora…io che credevo e volevo smettere ai suoi sei mesi mi ritrovo ai quasi 24 ancora qui..con questo legame liquido che adoriamo entrambe.
            E devo ringraziare un po’ anche l’allergia per questo… se vogliamo trovarci il lato bello e speciale…eccolo…l’ho trovato ora parlando qui con te….la potenza del web.
            Grazie per le chiacchiere..ti seguirò ancora più spesso ora 😉
            Buon weekend a tutta la tua bellissima ciurma.

          • Ecco…torno dalla spesa, leggo il tuo ultimo commento e….via di lacrime agli occhi!
            Il lato bello e speciale c’è e vedrai che presto non potrai neanche immaginare la tua Adele non allergica, fa parte di lei e le darà sensibilità, saggezza grazie all’esperienza fin da piccola che altri non hanno, coraggio, forza.
            Ti abbraccio fortissimo!
            Ci sentiamo eh, quando vuoi, mi fa immensamente piacere. Un bacio, Barbara

  2. Stellina, sono già 4 mesi che seguo il canale di mamma.
    Ho imparato a conoscervi e amarci.
    Famiglia meravigluosa
    Auguri Stella Max

    • Wow, grazie Moreno, per averci scritto. Ormai ti conosco un po’ anche io, tra i più affezionati, e mi fa molto piacere che tu abbia scritto anche qui, angolino a me prezioso.
      Grazie, anche dai festeggiati.
      Barbara

  3. Le tue parole arrivano sempre giù giù, nel profondo, in quel bellissimo posticino riservato alle riflessioni e alle emozioni .
    Tanti auguri sia a te che a Stella, il 15 Luglio è la vostra festa !
    (Mallory youtube)

    • Ciao carissima ❤
      Tu non hai idea di quanto le tue parole arrivino da sempre in me nello stesso posticino di cui parli. Grazie!
      E grazie per gli auguri sia a Stella che a me!
      Un abbraccio forte
      Barbara

  4. Buon Compleanno Stella!!!
    Anche mia figlia “piccola” ha 14 anni….li ha compiuti un mese esatto prima di te: il 15 giugno.
    Avete un’età bellissima e vivete in un momento in cui vi sentite grandi ma, in alcuni momenti, siete ancora delle coccolone….e a noi mamme fa un immenso piacere!!
    Un abbraccione!
    Maria

  5. La crescita é la strada per l’indipendenza, in modo che ognuno viva e faccia quello che vuole. Cioè la famiglia ci sarà sempre nella tua vita, ovviamente. Ma tutti noi sogniamo l’indipendenza. L’indipendenza é una cosa bella e importante nella nostra vita. Io la sogno ogni giorno e non vedo l’ora e il giorno che arriverà.

    • Sì, Filippo, è vero. L’indipendenza è fondamentale, così come avere una famiglia e degli affetti di supporto. Raggiungere l’indipendenza personale è l’obiettivo della crescita di ognuno. Io credo che tu sia sulla buona strada e spero che presto la potrai ottenere in toto, come desideri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *