Tortano napoletano al profumo d’infanzia

I profumi d’infanzia sono speciali, i più buoni, sanno di abbracci.
Li ho tutti nelle narici, pronti a risvegliare le emozioni più intense della vita.

Il profumo delle mani di mio nonno, il profumo dei fiori bianchi della pianta rampicante a casa mia a Roma, il profumo del mare di Ostia, dell’aria di primavera a Villa Ada, il profumo degli gnocchi fatti a mano da mia nonna a Milano, il casatiello, il tortano e la pastiera a Napoli da mia zia.

Vorrei poter conservare tutti questi profumi in tante boccette, insieme al profumo della pelle dei miei figli da piccoli.

Elena ha ancora un po’ del profumo dei piccoli, lo tengo stretto, con le lacrime agli occhi.
Tutte le mattine, quando si sveglia, le annuso il suo piccolo collo e cerco di fissarlo nella memoria, per poterci attingere ogni volta che lo desidero o ne ho bisogno.

Ci sono profumi che non possono tornare e altri che si possono ricreare.

Il periodo di Pasqua è sempre quello in cui la maggior parte dei profumi della mia infanzia si risveglia.
Complice la primavera nell’aria, i fiori, la cioccolata e i menu tipici di quei giorni di festa.

Anni fa, la mia amica Michela, mi fece scoprire un pane al formaggio con affettati a cubetti all’interno.
Da allora il profumo di quel pane al formaggio mi risveglia una fragranza molto familiare: sapeva di Napoli e di zia.
Mi ricordava tantissimo il TORTANO (o torteno, come l’abbiamo sempre chiamato) che altro non è che il CASATIELLO senza le uova sopra.

Così mi sono studiata una ricetta, che mi riportasse esattamente a quell’aroma e sapore, evitando però l’utilizzo delle uova a cui Stella è allergica.

Ed ecco come è nato il mio tortano napoletano. Ed io sono tornata bambina.

TORTANO NAPOLETANO

Ingredienti per l’impasto:

  • 500 g di farina
  • 200 g di acqua
  • 3 cucchiai di olio
  • 75 g di parmigiano grattugiato
  • 75 g di pecorino grattugiato
  • 1 bustina di lievito secco in polvere
  • 1 cucchiaino di sale
  • ½ cucchiaino di zucchero

Ingredienti per il ripieno:

  • salame napoletano a dadini
  • prosciutto cotto a dadini
  • provola a pezzetti
  • formaggi e affettati vari che trovate in frigo (la cucina con gli avanzi è sempre il top!)

Procedimento:

Mettere gli ingredienti per l’impasto nella macchina del pane e usare il programma impasto.
Una volta pronto e lievitato, stendere l’impasto su un piano di lavoro e con il mattarello formare un ovale piatto, spesso circa 1 cm e ½ .
Cospargere con dei dadini di formaggio e di affettati vari.
Arrotolare l’impasto come a formare uno strudel.
Mettere in uno stampo da ciambella e chiudere unendo i due estremi.
Cuocere in forno a 170° gradi per circa 30 minuti.

Sento il profumo della mia infanzia uscire dal forno.

Se adesso potessi anche sentire il profumo delle mani del nonno…
Ma forse è meglio così, le emozioni troppo forti mi fanno piangere ed io oggi voglio solo sorridere.

È Pasqua. È Primavera!

Posted in Cucina economica e con avanzi, VIDEO BLOG and tagged , , , .

9 Comments

  1. .

    Ciao Barbara sono Rita mi avete fato venire una fame vedendo questa torta Napoleta , penso proprio che la farò anche io. Un bacione a Elena e a Nicola e a Stella. Ciaooooooooooooooooooooooooooooooooooo Rita

  2. Odio i peroodi e i giorni delle vacanze mi esauriscono. Senza dimenticare che stare sempre con i miei familiari rompicoglioni (scusa il linguaggio scurrile ma quando ci vuole ci vuole) mi esaurisce il doppio. Cioè i miei familiari e le vacanze sono come dei “vampiri” terribilmente assetati e vogliono succhiarmi tutto il mio sangue. Povero me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *