Vado a vivere da sola

Quando i figli vanno a vivere da soli è un grande passo di crescita e indipendenza per loro, ma anche per noi genitori.

Valeria durante gli anni dell’Università ha fatto per il primo anno la pendolare e per i successivi un contratto di affitto studenti con altre due coinquiline.

L’appartamento era in condivisione: ognuna aveva la sua camera da letto e il resto della casa in comune.

Tra Valeria, Martina e Mariagrazia, si è instaurato un bellissimo rapporto, come se fossero sorelle.

Sono stati anni meravigliosi, preziosi e indimenticabili!

In questi anni hanno condiviso davvero di tutto, mentre ognuna proseguiva con i propri studi, tutti diversi e tutti conclusi con successo.

Poi è arrivata la pandemia, proprio quando Valeria si è laureata.

Tutte e tre le ragazze hanno fatto ritorno ai loro Paesi d’origine, lasciando la maggior parte delle loro cose nella casa in cui avevano vissuto insieme e valutando il da farsi.

Sono stati due anni duri per tutti, ma per noi con la serenità di essere uniti e insieme e la possibilità di sfruttare questo periodo per risparmiare su tante spese (io tanto lavoravo da casa).

Nel frattempo tra le coinquiline la vita è andata avanti. Tra famiglia, fidanzamenti e ricerca di lavoro.

Ognuna delle sorelle/coinquiline ha trovato la sua dimensione e la sua strada.

Valeria è riuscita a trovare lavoro e, dopo il periodo di tirocinio, è stata assunta con grande soddisfazione (e orgoglio di mamma e fratelli!).

Ora Valeria lavora in una società di consulenza informatica, il lavoro è perlopiù in smart-working, con sede a Milano.

Trovare casa a Milano è impossibile, troppo costoso, anche in periferia.

Inoltre Valeria a Torino ormai ha la sua vita ed è vicina a Ivrea, dove viviamo noi, tornare a trovarci è facile e veloce.

Perciò, terminato il periodo peggiore della pandemia, Valeria si è messa alla ricerca di un monolocale a Torino in cui andare a vivere da sola.

Durante la ricerca io ero felicissima di vederla sicura, attenta, propositiva e che non perdesse mai la fiducia, neanche quando gli alloggi che sembravano perfetti sulla carta, poi si rivelavano delle “topaie”.

Mi rendeva felice sia vederla autonoma e determinata nella ricerca, sia che mi conivolgesse sempre per un parere e per andarle a vedere.

Un bellissimo periodo di prima età adulta in cui si raccolgono i frutti della crescita insieme mamma e figlia.

Tra tre mesi Valeria compirà 27 anni, il lavoro va bene e la vedo adulta in tutto e per tutto.

Una vita adulta felice, realizzata, autonoma e ancora con spazi di divertimento e svago.

La guardo e penso che sono felice delle sue scelte, che alcune avrei dovuto farle anche io alla sua età e forse i miei errori a lei sono anche serviti per evitarli.

Gli errori servono a questo: a imparare qualcosa.

E se questo qualcosa serve sia a chi ha fatto scelte sbagliate in gioventù e a chi si ama e ha cresciuto come genitore, non si può essere più che felici e soddisfatti.

Buona vita, Valeria amore mio!

Pubblicato in Senza categoria, VIDEO BLOG e taggato , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *